News & Events

Latest news View all

12/12/2014

FRA Management Board adopts FRA’s Annual Work Programme 2015

At its meeting in Vienna on 11-12 December 2014, the FRA Management Board adopted the agency’s Annual Work Programme 2015. It also discussed the draft Annual Work Programme 2016, which the Board will adopt in the first quarter of 2015, after the European Commission has delivered an opinion on the draft.

Upcoming events View all

FRA in the news View all

Gewaltopfer müssen wieder bei null anfangen

Süddeutsche Zeitung: Wer im Frauenhaus Zuflucht sucht, hat Schlimmes hinter sich und eine weite Strecke vor sich. Eine im März 2014 veröffentlichte EU-Studie hat es an den Tag gebracht: 62 Millionen Frauen in der Europäischen Union sind Opfer von Gewalt. Deutschland schneidet in der groß angelegten Untersuchung der Europäischen Agentur für Grundrechte nicht gut ab. Der Anteil der über 15-jährigen Frauen, die physische oder sexuelle Gewalt erlebt haben, liegt mit 35 Prozent knapp über dem EU-Durchschnitt (33 Prozent).

UE, i trans i più discriminati del gruppo LGBT

EU trans, the most discriminated LGBT group
EUnews.it: Due transessuali su cinque sono stati vittima di ripetuti episodi di violenza nel 2013 e le discriminazioni in ambito educativo, sanitario, lavorativo sono maggiori rispetto a gay, lesbiche e bisessuali, ma si denuncia di più. Il sondaggio condotto dall’Agenzia dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (Fra) sull’Essere transessuale all’interno dell’Ue, ha evidenziato che nel 2013, più della metà di tutti gli intervistati trans (54%) si sono sentiti personalmente discriminati o molestati perché percepiti transessuali, contro il 47% della componente Lgb.

Transgender, l'Italia tra i primi in Ue per atteggiamenti discriminatori

Transgender, Italy among the first in the EU at discriminatory attitudes
Redattoresociale.it: Analisi dell'Agenzia europea Fra. L’Italia, insieme con l’Ungheria, è il paese dove le persone transgender si sentono più discriminate. Il nostro è anche il secondo paese per quanto riguarda l'utilizzo, da parte di politici, di una retorica e di un linguaggio offensivo contro i transessuali.