Presentazione della FRA

L'Unione europea ha istituito l'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) per fornire assistenza e consulenza indipendente e basata su prove in materia di diritti fondamentali alle istituzioni e agli Stati membri dell'UE. La FRA è un organismo indipendente dell'UE, finanziato dal bilancio dell'Unione.

Cosa facciamo

1) Indagini su vasta scala

  • la prima indagine a livello di UE sulle esperienze di discriminazione e vittimizzazione degli immigrati e delle minoranze etniche (UE-MIDIS): 23 500 persone provenienti da gruppi di immigrati e minoranze etniche;
  • la più grande indagine mai condotta sulla violenza di genere contro le donne in tutti gli Stati membri dell'UE: 42 000 donne;
  • la più grande indagine a livello di UE mai condotta sui crimini ispirati dall'odio e la discriminazione contro le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender: 93 000 persone LGBT;
  • indagine per mostrare le condizioni di vita e la situazione di discriminazione tra i rom: 85 000 persone;
  • indagine sull'antisemitismo: 6 000 ebrei.

2) Ricerca giuridica o sociale comparativa

  • servizi di supporto alle vittime nell'Unione europea: una panoramica e valutazione dei diritti delle vittime in pratica;
  • crimini ispirati dall'odio nell'UE;
  • mezzi di ricorso per la protezione dei dati;
  • accesso alla giustizia;
  • minori e giustizia
  • diritti fondamentali dei migranti irregolari nell'UE;
  • diritti fondamentali delle persone con disabilità intellettive e delle persone con problemi di salute mentale;
  • partecipazione politica delle persone con disabilità.

3) Manuali per gli operatori di giustizia

Questi manuali presentano la legislazione e la giurisprudenza dell'UE in modo accessibile. La FRA ha coperto i seguenti argomenti:

  • asilo, frontiere e immigrazione;
  • protezione dei dati;
  • non discriminazione.

La FRA tiene anche una Conferenza annuale sui diritti fondamentali. La conferenza riunisce 300-400 importanti soggetti interessati, che vanno dalle istituzioni UE a quelle nazionali e locali, le organizzazioni della società civile e gli operatori, per discutere di questioni specifiche. Per esempio: i diritti fondamentali e la migrazione verso l'UE (2014); i crimini ispirati dall'odio (2013); l'accesso alla giustizia in tempi di austerità (2012); i diritti fondamentali dei migranti irregolari (2011); i diritti del bambino (2010).

Con chi lavoriamo

La FRA mantiene stretti legami con le istituzioni e le organizzazioni pertinenti a tutti i livelli:

  • il Parlamento europeo, il Consiglio dell'Unione europea, la Commissione europea e le agenzie dell'UE;
  • le autorità governative nazionali, in particolare attraverso la sua rete di funzionari di collegamento nazionali, che operano come principali punti di contatto per la FRA negli Stati membri, e attraverso i gruppi di lavoro tematici sui rom e i crimini ispirati dall'odio;
  • riunendo i rappresentanti degli Stati membri per sviluppare buone prassi da attuare a livello nazionale;
  • le organizzazioni internazionali, come il Consiglio d'Europa, le Nazioni Unite e l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE);
  • le organizzazioni della società civile, le istituzioni accademiche, gli organismi di parità e le istituzioni nazionali di difesa dei diritti dell'uomo.

L'Agenzia organizza riunioni più piccole con esperti dei governi e altre parti interessate per sostenere il seguito dei risultati della sua ricerca. Questi incontri mettono in comune le conoscenze ed evidenziano le pratiche promettenti che potrebbero contribuire ad affrontare le sfide specifiche in materia di diritti fondamentali.

La FRA è impegnata in un dialogo strutturato con la società civile attraverso la sua piattaforma dei diritti fondamentali (Fundamental Rights Platform, FRP). Tale piattaforma rappresenta il canale dell'Agenzia per la cooperazione e lo scambio di informazioni con quasi 400 organizzazioni della società civile e lavora su numerose questioni relative ai diritti fondamentali in tutta l'UE. La piattaforma riunisce un gruppo eterogeneo di soggetti a livello europeo, nazionale e locale. Si tratta di un forum unico che permette un vero dibattito europeo sui diritti fondamentali. La piattaforma si riunisce una volta all'anno.

Su cosa lavoriamo

Un quadro pluriennale quinquennale definisce le nove aree tematiche del lavoro della FRA:

  • accesso alla giustizia;
  • vittime di reati tra cui il risarcimento alle vittime;
  • società dell'informazione e, in particolare, il rispetto della vita privata e la protezione dei dati personali;
  • integrazione dei rom;
  • cooperazione giudiziaria, tranne che in materia penale;
  • diritti del minore;
  • discriminazione;
  • immigrazione e integrazione dei migranti, visti e controlli alle frontiere, asilo;
  • razzismo, xenofobia e fenomeni di intolleranza a essi collegati.

Queste aree racchiudono i vari progetti dell'Agenzia.

Il Parlamento europeo, il Consiglio dell'Unione europea e la Commissione europea possono richiedere all'Agenzia una ricerca o un parere su un argomento specifico al di fuori del suo programma di lavoro, anche nel corso di procedure legislative. Gli Stati membri possono richiedere informazioni e dati comparativi dalla FRA per aggiornare gli sviluppi politici nazionali.

Come è valutato il lavoro della FRA

Le istituzioni dell'UE e nazionali fanno spesso riferimento ai dati, ai pareri e alle relazioni della FRA, come:

  • relazione annuale sui diritti fondamentali del Parlamento europeo e numerose risoluzioni parlamentari su diverse questioni relative ai diritti fondamentali;
  • conclusioni del Consiglio dell'UE sulla lotta contro i crimini ispirati dall'odio e la violenza contro le donne;
  • comunicazione della Commissione europea sull'integrazione dei rom e la sua strategia contro la tratta;
  • relazione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul razzismo;
  • discussioni parlamentari in 11 Stati membri.

“Le relazioni che forniscono dati comparativi e affidabili che interessano tutti gli Stati membri sono molto apprezzate dalle istituzioni dell'UE. Questi tipi di relazioni confrontano la situazione di fatto in diversi Stati membri e sostengono l'elaborazione di politiche a livello UE”
(Valutazione esterna indipendente della FRA, 2012).

Chi siamo

Il direttore della FRA guida e gestisce l'Agenzia. Il consiglio di amministrazione è responsabile della definizione del programma di lavoro dell'Agenzia, dell'approvazione del suo bilancio e del monitoraggio del suo lavoro. Il consiglio è composto da esperti indipendenti, uno nominato da ciascuno Stato membro, due rappresentanti della Commissione europea e un esperto indipendente nominato dal Consiglio d'Europa. L'Agenzia possiede anche un Comitato scientifico di esperti esterni, che garantisce la qualità del suo lavoro.

FRA in cifre

  • Direttore: Michael O’Flaherty
  • Istituzione: 2007
  • Sede: Vienna, Austria
  • Personale: 113 più tirocinanti
  • Bilancio: €21.2m
    La FRA costa a ciascun contribuente europeo 0,04 euro l'anno.
    Il 73 % del bilancio è speso in attività operative.
Downloads: 

Die Agentur der Europäischen Union für Grundrechte: eine Einleitung

[pdf]de en (67.94 KB)
See also: