Quadro dell’UE per la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CDPD) è il primo strumento vincolante di diritto internazionale dei diritti umani ad affrontare specificamente l’argomento della disabilità. Il suo scopo è «promuovere, proteggere e assicurare il pieno ed eguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, e promuovere il rispetto per la loro inerente dignità».

 

La Convenzione è uno strumento efficace che aiuta le persone con disabilità, le comunità e i governi nazionali a esplorare sistemi per soddisfare i diritti delle persone con disabilità, elaborando e attuando misure giuridiche, politiche e pratiche.

Al fine di garantire che tali impegni siano conformi alle disposizioni della Convenzione e siano attuati in modo efficace ed efficiente, l’articolo 33(2), della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CDPD) impone agli Stati parte della Convenzione di istituire un quadro per promuovere, proteggere e monitorare l’attuazione della CDPD.

In quanto parte della CDPD, l’Unione europea ha designato tale quadro di riferimento per le questioni di competenza dell’UE, tra cui:

  • legislazione e politica dell’UE: non discriminazione, diritti dei passeggeri, finanziamento UE, ecc.;
  • pubblica amministrazione dell’UE: selezione del personale, accesso ai documenti, ecc.

Il Quadro dell’UE integra i quadri nazionali di monitoraggio, che si occupano della promozione, della protezione e del monitoraggio della CDPD negli Stati membri dell’Unione europea.

Il Quadro è diventato operativo nel 2013, sulla base di una proposta della Commissione approvata dal Consiglio dell’UE nel 2012.

Chi sono i membri del Quadro?

Il Quadro dell’UE è composto da:

La Commissione europea è stata membro del Quadro dell’UE fino alla fine del 2015, quando ha annunciato la sua intenzione di ritirarsi in seguito alla pubblicazione delle Osservazioni conclusive sull’Unione europea da parte del Comitato sui diritti delle persone con disabilità (Comitato CDPD). In seguito a questo annuncio, la Commissione europea non ha più partecipatoalle attività del Quadro dell’UE.

Che cosa fanno i membri del Quadro?

In base alle rispettive competenze e ai rispettivi mandati, i membri contribuiscono collegialmente alle seguenti attività:

dell’attuazione della CDPD da parte dell’Unione europea.

Inoltre, il Quadro dell’UE contribuisce attivamente al riesame dell’attuazione della CDPD da parte dell’Unione europea, effettuato dal Comitato sui diritti delle persone con disabilità (Comitato CDPD). Il Comitato CDPD, il cosiddetto «organo previsto dal trattato» per la CDPD, è responsabile di valutare se gli Stati parte della Convenzione adempiono ai loro obblighi stabiliti dalla Convenzione.

Il primo riesame dell’attuazione della CDPD da parte dell’Unione europea si è svolto nel 2015; dopo questo primo riesame, il Comitato CDPD ha annunciato che il secondo e il terzo riesame si svolgeranno congiuntamente nel 2019.

Come funziona il Quadro UE nella pratica?

I membri condividono le informazioni e tengono conto delle rispettive attività. Essi concordano un programma di lavoro che può comprendere attività realizzate da diversi membri insieme o dal Quadro nel suo complesso.

La Presidenza del Quadro dell’UE viene nominata per due anni ed è soggetta a un sistema di rotazione. Essa promuove il principio di collegialità che è inerente ai metodi di lavoro del Quadro. Attualmente, la responsabilità della Presidenza del Quadro è della FRA.

Il Segretariato del Quadro dell’UE, nominato anch’esso per due anni, coordina l’organizzazione e la preparazione delle riunioni. Attualmente, è la FRA la responsabile del Segretariato.

Il Quadro dell’UE si riunisce almeno due volte l’anno. Le decisioni vengono prese per consensus.

Quadri nazionali di monitoraggio

Il Quadro dell’UE integra i quadri nazionali di monitoraggio negli Stati membri dell’UE responsabili della promozione, della protezione e del monitoraggio della CDPD e della sua attuazione a livello nazionale. Essi possono assumere varie forme ed essere composti da diverse organizzazioni, come ad esempio:

  • enti nazionali per le pari opportunità;
  • difensori civici;
  • istituti nazionali per i diritti umani;
  • comitati di monitoraggio con la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni che si occupano dei diritti delle persone con disabilità.

Il Quadro dell’UE lavora per migliorare le sinergie con i quadri nazionali di monitoraggio. Si riunisce ogni anno, ad esempio, con i rappresentanti dei sistemi di monitoraggio nazionali degli Stati membri dell’UE per condividere le informazioni e coordinare le attività.

Reti di monitoraggio

Alcuni dei membri dei quadri nazionali di monitoraggio cooperano a livello europeo: