Publication date: 11 November 2019

Essere di colore nell’UE Seconda indagine su minoranze e discriminazioni nell’Unione europea - Sommario

La presente relazione illustra i risultati selezionati della seconda indagine su larga scala dell’Agenzia su migranti e minoranze (EU-MIDIS II), esaminando le esperienze di quasi 6 000 persone di origine africana in 12 Stati membri dell’UE. I risultati mostrano che, quasi vent’anni dopo l’adozione di leggi dell’UE che vietano la discriminazione, le persone di origine africana nell’UE si trovano ad affrontare pregiudizi ed esclusione diffusi e radicati.

Downloads

Publication date: 15 November 2019

Being Black in the EU - Summary (447.72 KB)

Panoramica

Le persone di origine africana costituiscono una parte integrante del tessuto sociale dei paesi dell’Unione europea (UE) da generazioni. Nel 2000 l’Unione ha emanato legislazioni intese a combattere la discriminazione razziale e i reati di stampo razzista, e diverse iniziative politiche hanno cercato di affrontare il razzismo a livello di UE.

Tuttavia, in tutta l’Unione europea, le persone di origine africana si trovano a far fronte a pregiudizi ed esclusione diffusi e radicati. La discriminazione razziale e le molestie sono comuni. Le esperienze di violenza razzista variano in termini di frequenza, arrivando tuttavia fino al 14 %. La profilazione discriminatoria da parte della polizia è una pratica comune. Gli ostacoli all’inclusione sono molteplici, soprattutto al momento di cercare posti di lavoro e alloggi.

Questi sono solo alcuni dei risultati della seconda indagine su larga scala a livello di UE su migranti e minoranze (EU-MIDIS II), che, tra l’altro, ha esaminato le esperienze di quasi 6 000 persone di origine africana in 12 Stati membri dell’UE. La presente sintesi illustra i principali risultati di tale iniziativa.

Related