You are here:

Il Quadro CDPD dell’UE - Contributo al processo di riesame dell’UE

A norma dell’articolo 35 della CDPD, ogni Stato parte della Convenzione è tenuto a presentare relazioni periodiche sulle misure adottate per attuare la CDPD al Comitato sui diritti delle persone con disabilità (Comitato CDPD).

La prima relazione è prevista due anni dopo l’entrata in vigore della CDPD nello Stato firmatario, mentre le successive relazioni vengono presentate ogni quattro anni.

Tali relazioni costituiscono la base per l’esame del Comitato CDPD sui progressi compiuti nell’attuazione della Convenzione ONU.

Riesame dell’attuazione della Convenzione ONU realizzata dall’UE

In linea con i propri obblighi, nel giugno 2014 la Commissione europea ha presentato, a nome dell’Unione europea, la prima relazione sull’attuazione della CDPD da parte dell’UE. La relazione riepiloga le azioni che l’UE ha intrapreso al fine di attuare la CDPD nell’ambito della propria sfera di competenza, che riguarda sia il diritto che la politica dell’Unione, e l’attuazione interna da parte delle istituzioni, delle agenzie e degli organismi dell’UE.

Nell’aprile 2015 il Comitato CDPD ha pubblicato «l’elenco delle questioni» in risposta alla relazione dell’UE, ponendo una serie di domande sulle quali chiedeva ulteriori informazioni all’Unione europea. La Commissione europea ha risposto a nome dell’UE fornendo ulteriori informazioni nel giugno 2015.

La parte principale del processo di riesame si è svolta nell’agosto 2015, con un «dialogo pubblico costruttivo» fra l’UE – rappresentata dalla Commissione europea – e il Comitato CDPD.

A seguito di questa discussione, il Comitato CDPD ha pubblicato, nel settembre 2015, la propria valutazione dell’attuazione della CDPD realizzata dall’UE e le raccomandazioni formulate per darvi seguito sotto forma di «osservazioni conclusive». Le osservazioni conclusive trattano quasi tutti gli articoli della CDPD e formulano raccomandazioni concrete su come l’UE potrebbe attuare meglio la Convenzione.

Oltre ai documenti formali preparati dalla Commissione europea e dal Comitato CDPD, un gran numero di enti nazionali per i diritti umani, organizzazioni della società civile e organizzazioni di persone con disabilità hanno presentato le proprie relazioni al Comitato CDPD sull’attuazione della Convenzione da parte dell’UE.

Principali fasi del riesame dell’UE da parte del Comitato CDPD

Relazione degli Stati parte
• La Commissione europea ha presentato la relazione dell’UE nel giugno 2014.
Elenco delle questioni
• Nell’aprile 2015 il Comitato CDPD ha pubblicato «l’elenco delle questioni» in risposta alla relazione dell’UE, ponendo una serie di domande sulle quali chiedeva ulteriori informazioni.
• La Commissione europea ha risposto a tali domande a nome dell’UE, fornendo ulteriori informazioni nel giugno 2015.
Osservazioni conclusive
• Il 27 e 28 agosto 2015 l’UE è comparsa dinanzi al Comitato CDPD per un «dialogo costruttivo» sulla sua attuazione della Convenzione ONU.
• Il Comitato CDPD ha pubblicato le sue osservazioni conclusive sull’UE nel settembre 2015, definendo la propria valutazione del resoconto dell’UE e formulando raccomandazioni su come l’Unione europea può migliorare l’attuazione della Convenzione.

Fonte: FRA, 2016

Tutti i documenti relativi al processo di riesame sono disponibili online.

Il contributo del Quadro dell’UE al processo di riesame

Il Quadro dell’UE ha partecipato attivamente a tutte le fasi del processo di riesame.

Ha tenuto due riunioni private con il Comitato CDPD, in occasione della discussione sull’elenco di questioni sull’Unione europea e del dialogo costruttivo. Ha inoltre pronunciato gli interventi di apertura e di chiusura del dialogo costruttivo tra l’UE e il Comitato CDPD.

Il ruolo del Quadro dell’UE nel processo di riesame

Marzo 2015
• Il membri del Quadro dichiarano a una riunione di alto livello la loro volontà e disponibilità a partecipare attivamente al processo di riesame e di monitoraggio delle osservazioni conclusive
Aprile 2015 • Riunione chiusa del Quadro dell’UE con il Comitato CDPD per discutere dell’elenco delle questioni
Maggio 2015 • Partecipazione all’audizione sulla CDPD al Parlamento europeo
Agosto 2015 • Interventi di apertura e di chiusura del dialogo costruttivo tra l’UE e il Comitato CDPD
• Riunione chiusa del Quadro dell’UE con il Comitato CDPD
Da settembre 2015 in poi
• Monitiraggio delle osservazioni conclusive, compreso lo scambio di opinioni con la commissione per l’occupazione e gli affari sociali del Parlamento europeo

Fonte: FRA, 2016

Inoltre, il Parlamento europeo ha organizzato tre eventi per discutere il processo di riesame: un’audizione pubblica nel maggio 2015 sull’elenco delle questioni, un’ulteriore audizione pubblica nel gennaio 2016 e uno scambio di opinioni con il Comitato per l’occupazione e gli affari sociali nel febbraio 2016, a cui hanno partecipato tutti i membri del Quadro dell’UE.

Tutti i membri del Quadro dell’UE si sono impegnati a sostenere il seguito che l’UE darà alle osservazioni conclusive.

Raccomandazioni concernenti il Quadro dell’UE

Parte delle osservazioni conclusive del Comitato CDPD riguardano specificamente il Quadro dell’UE:

«Il Comitato rileva con preoccupazione che il Quadro dell’Unione europea per l’attuazione e il monitoraggio della Convenzione non è del tutto in linea con i principi di Parigi, né dispone di risorse adeguate. Inoltre, la Commissione europea è designata sia come il punto focale (articolo 33.1) sia come parte del quadro di monitoraggio (articolo 33.2).

Il Comitato raccomanda all’[UE] di prendere le misure opportune per separare i ruoli della Commissione europea – eliminandola dal quadro di monitoraggio indipendente – per garantire la piena conformità con principi di Parigi, e di dotare il quadro di risorse adeguate per svolgere le sue funzioni. Raccomanda inoltre all’[UE] di valutare l’istituzione di un meccanismo di coordinamento interistituzionale e la designazione di punti focali in ogni istituzione, agenzia ed ente dell’Unione europea».

La Commissione europea, in quanto punto focale per la Convenzione nell’UE, è invitata a fornire informazioni al Comitato CDPD sulle misure adottate per attuare la presente raccomandazione entro settembre 2016.