You are here:

ONU, OSCE e altre organizzazioni internazionali

L'agenzia collabora con le Nazioni Unite (ONU), l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), il Consiglio d'Europa e altre organizzazioni internazionali. Questa cooperazione rientra nel regolamento istitutivo della FRA e comprende consultazioni di esperti, conferenze e seminari, nonché la condivisione di dati e informazioni. La cooperazione crea sinergie e ottimizza le risorse in modo da evitare la duplicazione del lavoro. Contribuisce inoltre a garantire che il lavoro delle diverse organizzazioni sia complementare, in modo che le raccomandazioni e i consigli siano maggiormente allineati.

Questa pagina fornisce informazioni sulla cooperazione della FRA con:

Nazioni Unite

L’agenzia collabora con una vasta gamma di organismi delle Nazioni Unite. Ad esempio, raccoglie i risultati mirati degli Stati membri dell’UE e li sottopone agli organi che si occupano dei trattati dell’ONU sui diritti umani e alle procedure speciali. Alimenta inoltre il processo di revisione periodica universale dell’ONU.

La FRA organizza regolarmente incontri con l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti dell’uomo (OHCHR), l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), nonché con il programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e l’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL).

Concentrare il lavoro della FRA sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) fissano traguardi in materia di sviluppo globale per il periodo 2015-2030. Sostituiscono gli Obiettivi di sviluppo del millennio, che coprivano il periodo dal 2000 al 2015. Coordinati dall’ONU, i 17 OSS hanno definito il quadro di riferimento per gran parte dello sviluppo e della cooperazione multilaterale a livello mondiale. La tabella seguente fornisce una panoramica degli OSS, collegandoli agli articoli più pertinenti della Carta dei diritti fondamentali dell’UE. Fornisce anche esempi di progetti FRA correlati.

Strumenti che collegano gli OSS agli strumenti per i diritti umani:

Gli Stati e la società civile, ma anche entità come le corporazioni, contribuiscono alla realizzazione degli OSS. Gli sforzi all’inizio del periodo 2015-2030 si concentrano sulla compilazione dei 230 indicatori con dati, organizzati all’interno di 169 traguardi e 17 OSS. La FRA contribuisce a questo obiettivo collaborando con Eurostat per popolare gli indicatori a livello dell’UE e contribuendo alle consultazioni metodologiche a livello di Nazioni Unite.

Il 10 dicembre 2018 l’ONU celebra il settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani con la campagna Stand up for human rights (Ergersi per i diritti umani), della durata di un anno.

Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa

La FRA collabora a stretto contatto con l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), in particolare con il suo Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR). La collaborazione prevede attività congiunte negli Stati membri dell’UE.

Tra gli esempi di questa cooperazione figurano i seguenti.

Lottare contro i reati generati dall’odio

La FRA e l’ODIHR collaborano per aiutare gli Stati a registrare e raccogliere dati sui reati generati dall’odio. Organizzano congiuntamente workshop nazionali per fornire assistenza tecnica alle forze dell’ordine e alle autorità di giustizia penale nazionali. Questa iniziativa è iniziata a seguito del lancio della Practical Guide on Hate Crime Data Collection and Monitoring («Guida pratica dell’ODIHR sulla raccolta e il monitoraggio dei dati relativi ai reati generati dall’odio») nel 2014. L’ODIHR partecipa anche al sottogruppo sulle metodologie di registrazione dei dati sui reati generati dall’odio, che la FRA coordina.

Svelare l’entità della violenza contro le donne

L’indagine sulla violenza contro le donne della FRA è diventata una fonte di dati affidabili e comparabili sulla portata, la natura e le conseguenze della violenza contro le donne negli Stati membri dell’UE. La sezione sul genere del segretariato dell’OSCE ha lanciato un’indagine sul benessere e la sicurezza delle donne simile, basata sull’indagine della FRA. Copre una serie di paesi non appartenenti all’UE dell’Europa sudorientale, dell’Europa orientale e del Caucaso meridionale. La FRA ha fornito consulenza tecnica durante tutta l’indagine OSCE - i primi risultati sono attesi per il 2019.

Promuovere la partecipazione politica delle persone con disabilità

La FRA fa parte del gruppo di esperti dell’ODIHR sulla partecipazione delle persone con disabilità alla vita politica e pubblica. Questo gruppo fornisce consulenza all’ODIHR sulle questioni relative alle disabilità e sugli sviluppi pertinenti in diversi Stati partecipanti dell’OSCE. Il gruppo si è riunito per la prima volta a Skopje il 22 giugno 2017.

La FRA collabora inoltre strettamente con l’Alto Commissario dell’OSCE per le minoranze nazionali (ACMN).

Altre organizzazioni internazionali

Inoltre, l’agenzia collabora con altre organizzazioni internazionali come l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), il Centro internazionale per lo sviluppo delle politiche migratorie (ICMPD) e altri enti a carattere internazionale, in particolare le sovvenzioni del SEE e della Norvegia («EEA and Norway Grants»).

Le sovvenzioni del SEE e della Norvegia L’agenzia collabora con le sovvenzioni del SEE e della Norvegia come partner strategico per la protezione, la promozione e il rispetto dei diritti fondamentali. La cooperazione mira a sostenere la progettazione e l’attuazione di programmi e progetti finanziati dalle sovvenzioni del SEE e della Norvegia in alcuni Stati membri dell’UE. Mira altresì a sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti fondamentali, a combattere l’esclusione sociale e la discriminazione nonché a sostenere le relative iniziative della società civile.

L’agenzia costituisce una delle tre organizzazioni partner internazionali (IPO) che sostengono le sovvenzioni del SEE e della Norvegia a livello strategico, per garantire che i programmi e i progetti siano conformi alle norme europee e internazionali.

La FRA collabora con le sovvenzioni in tre modi diversi:

  1. in qualità di organizzazione partner internazionale, l’agenzia fornisce consulenza e partecipa a diversi programmi di sovvenzioni, in particolare in Cechia in materia di «Diritti umani, inclusione dei Rom nonché violenza domestica e di genere» e in Grecia in materia di «Inclusione e autonomia dei Rom»;
  2. come partner di progetto internazionale a livello di progetto, anche in Bulgaria, Cechia e Grecia;
  3. cooperazione e comunicazione strategica su eventi relativi ai diritti fondamentali dell’UE, come la conferenza congiunta con la Presidenza del Consiglio dell’UE e le sovvenzioni del SEE e della Norvegia, ogni volta che la Presidenza dell’UE è tenuta da uno degli Stati beneficiari delle sovvenzioni. Le sovvenzioni rappresentano anche un partner strategico del Forum dei diritti fondamentali dell’agenzia, che fornisce sostegno finanziario alla partecipazione dei delegati e alla partecipazione al comitato consultivo del Forum. 

Le sovvenzioni del SEE e della Norvegia rappresentano il contributo di Islanda, Liechtenstein e Norvegia alla riduzione delle disparità economiche e sociali in Europa e al rafforzamento delle relazioni bilaterali con 15 Stati beneficiari.

È possibile saperne di più sulle sovvenzioni del SEE e della Norvegia nel video qui sotto: 

Portale dei dati delle sovvenzioni del SEE e della Norvegia.