You are here:

Il Quadro dell’UE per la CDPD - Protezione

Accettando la CDPD, l’Unione europea si è impegnata ad attuare la convenzione nei settori di competenza dell’UE, come stabilito dai trattati europei. Molte delle aree e delle materie oggetto della Convenzione sono sotto la responsabilità degli Stati membri dell’Unione.

Ai cittadini di uno Stato membro dell’UE, a chi vive in uno degli Stati membri o gestisce un’attività nell’UE, il diritto dell’Unione garantisce una serie di diritti.

La protezione delle persone contro le violazioni del diritto UE è essenzialmente di competenza dei quadri nazionali di monitoraggio e dei tribunali. Pertanto, se si ritiene che questi diritti non siano stati rispettati dalle autorità nazionali, si dovrebbe in primo luogo sollevare la questione con gli organismi nazionali.

Tuttavia, se il caso riguarda una questione di diritto dell’Unione direttamente applicabile alla propria situazione, anche l’UE potrebbe essere di aiuto.

In che modo i membri del Quadro dell’UE proteggono i diritti garantiti della CDPD

I membri del Quadro dell’UE quali il Parlamento europeo e il Mediatore europeo possono prendere iniziative.

Per i cittadini, le petizioni al Parlamento europeo rappresentano uno strumento prezioso per ottenere un’udienza formale da parte delle istituzioni dell’Unione europea, instaurando un legame diretto con i rappresentanti eletti. I cittadini possono anche portare all’attenzione del Parlamento i casi di violazione o fallace attuazione della normativa UE. All’interno del Parlamento europeo, la responsabilità delle petizioni è affidata alla Commissione per le petizioni.

Il Mediatore europeo conduce indagini sui casi di cattiva amministrazione nell’operato delle istituzioni, degli organi, degli uffici e delle agenzie dell’Unione europea. Le persone che ritengono che un’istituzione dell’UE non stia agendo in conformità con la CDPD hanno il diritto di rivolgersi al Mediatore per presentare la propria denuncia.

Il Mediatore europeo si è occupato di denunce relative a situazioni di disabilità per quanto riguarda l’accessibilità degli edifici delle istituzioni dell’UE, l’interpretazione della lingua dei segni nell’organizzazione di eventi, l’accessibilità del materiale su siti Web e le domande presentate all’assicurazione sanitaria da membri del personale dell’Unione europea che hanno figli con disabilità.

Se si è cittadini di uno Stato membro dell’Unione o si risiede in uno Stato membro, è possibile presentare una denuncia al Mediatore europeo. Anche imprese, associazioni o altri organismi con sede nell’Unione possono presentare denunce al Mediatore.

Il Mediatore ha anche pubblicato, in 24 lingue, una prima versione di una spiegazione di facile lettura del proprio lavoro e di come presentare una denuncia.

Il Forum europeo sulla disabilità (EDF) fornisce informazioni alle persone con disabilità se queste ultime vivono esperienze individuali di discriminazione che il Forum porta all’attenzione delle amministrazioni responsabili nonché del pubblico in generale.

L’EDF fornisce anche assistenza nel processo di ricorso, attraverso gli interventi di terzi, portato dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Comitato europeo per i diritti sociali.

Altri tipi di protezione a norma del diritto UE

È inoltre possibile rivolgersi alla Commissione europea per presentare denuncia contro qualsiasi misura (legge, regolamento o azione amministrativa), assenza di misura o pratica, attuata da uno Stato membro, che si pensa sia contraria al diritto dell’Unione.

Se non si è esperti in diritto dell’Unione potrebbe essere difficile sapere esattamente quale legge si ritiene che sia stata violata. In questi casi è possibile ricevere, nella propria lingua, una consulenza veloce e informale dal servizio La tua Europa - Consulenza.

Protezione al di fuori del diritto UE

Al di fuori del campo di applicazione del diritto dell’Unione europea, i diritti dei cittadini sono tutelati dalla costituzione e dal diritto di ciascun paese.

Se si ritiene che i propri diritti siano stati violati in un contesto non coperto dal diritto dell’Unione europea, la propria denuncia va rivolta all’autorità nazionale competente, sia essa rappresentata dal governo, dai tribunali nazionali o un da ente specializzato in diritti umani.

Lo strumento interattivo può essere utile per trovare l’organizzazione giusta che aiuti i cittadini a risolvere i loro problemi in materia di diritti fondamentali.